Ti sei mai chiesto cosa sono gli ETF?

Gli ETF (Exchange Traded Funds) sono particolari fondi d’investimento a gestione passiva.

Come accade per tutti i fondi, quando si acquista un ETF è come se si acquistasse un paniere di titoli.

 Investire in un fondo, sostanzialmente, equivale a mettere il proprio risparmio insieme a quello di altri investitori, dove il gestore del fondo, acquisterà in seguito con questo denaro gli strumenti su cui si andrà a investire.

La performance dell’investimento sarà data semplicemente dal risultato di tutti i singoli strumenti su cui il fondo investe.

Quindi Gli ETF uniscono i vantaggi del fondo e dei titoli azionari in un unico strumento finanziario.

Gli ETF Consentono di investire economicamente nell’intero mercato tramite un solo strumento, nonché di investire anche in diverse asset class e quindi non solo nel mercato azionario.

Grazie a questa varietà, gli ETF sono la soluzione perfetta per gli investimenti privati in quanto si limitano a seguire un indice di mercato chiamato benchmark, passo dopo passo, e possono essere negoziati in qualsiasi momento in una borsa valori, proprio come se fossero titoli azionari

Quali sono i vantaggi degli ETF?

  1. Liquidità: Essendo strumenti quotati, gli ETF sono strumenti estremamente liquidi. Questo vuol dire che è facile comprare o vendere nuove quote senza correre il rischio di vederne scendere il valore.
  2. Versatilità: Grazie agli ETF, anche il piccolo risparmiatore può accedere ai principali indici di mercato senza la necessità di dover comprare tutti i titoli presenti nel paniere.
  3. Efficienza: La gestione passiva rende l’investimento in ETF estremamente vantaggioso. Ti basta pensare che il costo di gestione di un ETF difficilmente supera lo 0,5%, mentre quello di un fondo attivo supera il 2%.
  4. Trasparenza: L’elevato grado di trasparenza dell’investimento è insito nella natura stessa degli ETF. Si può agevolemente avere una fotografia completa dello strumento sotto diversi punti di vista: dall’esposizione valutaria al merito creditizio, dalle masse gestite alla tipologia di replica.
  5. Sicurezza: Il patrimonio investito in ETF è separato da quello della società che ne cura l’emissione e la gestione quindi viene restituito anche in caso di fallimento della medesima.
  6. Strategia:Grazie agli ETF diventa più semplice e conveniente elaborare strategie multi-asset che sfruttino le tendenze di crescita di medio periodo dei mercati, basandosi sui trend macroeconomici.

La peculiarità degli ETF è che si tratta di fondi che adottano strategie passive. Questo vuol dire che gli ETF hanno lo scopo di replicare l’andamento di un determinato indice o il prezzo di una determinata asset class.

L’ETF sul Dax, ad esempio, avrà lo stesso risultato giornaliero di questo indice borsistico tedesco, così come un ETF sul prezzo dell’oro replicherà le variazioni del prezzo di questo mercato.

 Per raggiungere questo obiettivo, i gestori di un ETF acquistano quote di titoli degli indici di riferimento – detti tecnicamente benchmark – in quantità proporzionale rispetto alle risorse disponibili. In questo modo il valore dell’investimento sarà esattamente lo stesso di quello dell’indice replicato.

In sintesi quando si acquista un ETF si sa già in che tipo di prodotti verranno investiti i propri risparmi: e la performance non dipenderà dall’andamento dell’indice scelto.

📈Vuoi imparare ad investire in maniera semplice?
✅Webinar gratuito sulla nostra Strategy™
👉https://sylectio.com/optin

Categorie: FormazioneVideo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *